Rakotz Bridge, il Ponte del Diavolo in Sassonia
Architecture & Design Attraction

Rakotz Bridge, il Ponte del Diavolo in Sassonia

Rakotzbrücke,Germania

Rakotz Bridge, il Ponte del Diavolo in Sassonia

Rakotz-Bridge-Gablenz-GermaniaIl Rakotz Bridge o Rakotzbrücke, è uno dei ponti europei conosciuti come Ponte del Diavolo. Le sue estremità, create da guglie di roccia sottili con colonne ottagonali in basalto, sostengono un arco talmente perfetto che sembra essere stato realizzato dal diavolo in persona. Infatti, secondo alcune vecchie credenze, nessuna mano umana avrebbe mai potuto costruirlo.

Rakotz-Bridge-Gablenz-GermaniaCi troviamo nel cuore della Sassonia, all’interno dell'Azalea and Rhododendron Park Kromlau, nella municipalità di Gablenz in Germania. Questo ponte, appositamente costruito per creare un cerchio perfetto quando si riflette nell'acqua, fu commissionato nel 1860 dal cavaliere Friedrich Hermann Rotschke, proprietario terriero dell’intera zona, che decise di collegare le due sponde del corso d’acqua con un’opera piuttosto inusuale e bizzarra. Essendo l’unico finanziatore dell'intero parco, dove fece piantare migliaia di esemplari di azalee e rododendri che ancora oggi sbocciano rigogliosi, avviò la progettazione di un ponte senza passamano né barriere, una tipologia architettonica ben lontana da quelle usate ai quei tempi.

Rakotz-Bridge-Gablenz-GermaniaI lavori di realizzazione del Rakotz Bridge, vista la particolarità e l’eccentricità del progetto, durarono ben 10 anni, alimentando subito la circolazione di strane voci, credenze popolari convinte ad affermare che il ponte fosse la porta d’entrata del demonio. Un significato mistico-simbolico, il passaggio che delimitava il confine tra paradiso e inferno, conferendogli così l’appellativo di Ponte del Diavolo.

Rakotz-Bridge-Gablenz-GermaniaQuesto semicerchio d’impeccabile precisione, che riflettendosi nell'acqua genera un anello circolare perfetto da qualsiasi punto si osservi, è oggi considerato uno dei ponti più misteriosi e affascinanti d’Europa

#Bridge