Il Grande Cretto, la gigantesca opera Land Art di Burri
Art & Culture Architecture & Design

Il Grande Cretto, la gigantesca opera Land Art di Burri

Cretto di Burri,Italia

Il Grande Cretto, la gigantesca opera Land Art di Burri

Ci troviamo in Sicilia, di fronte ad una delle opere più estese della storia dell’arte contemporanea, realizzata tra il 1985 e il 1989 dal grande artista e pittore Alberto Burri. Una enorme colata bianca di cemento che, con una superficie di 80 mila metri quadri, si estende nel luogo in cui sorgeva la vecchia Gibellina, l’antica città della provincia di Trapani completamente distrutta dal violento terremoto del 1968 nella Valle del Belice.



Il Grande Cretto di Burri, ribattezzata Ruderi di Gibellina, è uno dei rari esempi di Land Art in Italia, oggi considerata anche tra le più imponenti del mondo. Un’opera celebrativa nata sulle e dalle macerie di una tragedia che, attraverso un insieme di spaccature di cemento alte un metro e mezzo, ricalca la mappa delle antiche strade ormai scomparse. Un monumento di grande potenza per ricordare un territorio ferito che oggi si mostra come una suggestiva e abbagliante distesa bianca circondata da campi, boschi e prati.



A soli 300 metri dal Cretto, che sorge a circa 20 chilometri più a valle dall’attuale cittadina, si trova il Museo del Grande Cretto di Gibellina. Il museo, situato nella vecchia Chiesa di Santa Caterina sopravvissuta al sisma, è stato inaugurato nel maggio 2019 con l’esigenza di raccontare ai visitatori la progettazione e la realizzazione dell’opera di Burri sin dalle sue origini.



#Museum

#Sculptur