Interviews

Marko Morciano

Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione e Organizzazione e Marketing per la comunicazione d’impresa, Marko Morciano segue la sua passione per la fotografia diventando un travel influencer pronto a tutto per realizzare i suoi sogni. Seguito da oltre 96 mila follower, Marko Morciano si considera un “wanderluster” che ama vivere viaggiando. Un travel influencer che, sul blog e sui relativi social, condivide scatti straordinari di posti da sogno tutti da scoprire.

Cinque Terre_2

1. Che cosa significa viaggiare per te?
Ho iniziato a viaggiare con alta frequenza relativamente da poco, esattamente da fine 2016, da allora è stato tutto in salita. Il mio percorso da viaggiatore seriale è iniziato per gioco/lavoro e si è evoluto in modo naturale, forse perché viaggiare è ciò che mi rende vivo, come dico sempre. Viaggiare per me significa aprire la mente, vivere il più possibile esperienze che la vita e il mondo offre. Incrociare culture differenti dalla mia, conoscere persone da tutto il mondo, scoprire posti che non sapevi nemmeno esistessero è tutto ciò che mi rende felice. L'ultimo anno della mia vita non è stato particolarmente semplice da affrontare e più volte ho riflettuto su ciò che mi ha dato la forza di andare avanti a denti stretti, mettendo in standby i pensieri negativi e godendomi ciò che la vita mi offre, e questo è stato proprio il fatto di viaggiare continuamente, riuscendo a vedere ben ventuno paesi differenti in poco più di due anni. Per me questo è un grande traguardo e spero di continuare a viaggiare e sorprendermi scoprendo sempre posti nuovi, anche perché è come una sindrome, quella di wanderlust, ecco perché nella mia bio di Instagram mi definisco wanderluster, approfittando di coniare un termine simpatico che indica proprio chi ha l'esigenza di viaggiare così come si ha bisogno di ossigeno per vivere. Tutto questo è per me viaggiare!

Cinque Terre_2

2. Che cosa ti distingue dagli altri travel influencer?
Non credo ci sia qualcosa che mi renda diverso dagli altri travel influencer. Non amo etichettarmi come influencer né ho la presunzione di poter dire di esserlo. Sicuramente io conosco la mia esperienza e il mio trascorso, le mie competenze e ciò che mi ha portato fin qui. Non sono una persona che dà molto conto a ciò che fanno gli altri, cerco di seguire un mio percorso e stimo chi riesce a fare lo stesso senza incorrere necessariamente in "mezzucci" per poter arrivare prima a qualcosa. Cerco sempre di comunicare, con le persone che mi seguono, in modo più naturale e friendly possibile. Sono una persona semplice e mi piace la semplicità. Quando viaggio cerco di far vivere le mie emozioni a chi mi segue e spesso ho un riscontro positivo dall'altra parte. Questo è ciò che mi rende felice e mi dà tanta soddisfazione perché faccio questo lavoro con una passione infinita e quando hai un feedback positivo dall'altro lato hai anche la voglia di continuare a farlo perché probabilmente stai facendo bene. Quindi ognuno è diverso e ognuno ha il suo modo di comunicare e agire sui social, ed è anche questo il bello.

Cinque Terre_2

3. Quanto viaggi per lavoro e come scegli le mete?
La maggior parte dei viaggi che faccio sono di lavoro. Spesso le mete sono già decise dal cliente stesso o dall'ente del turismo che propone il progetto con destinazione. Poi sta a me decidere se accettare di prender parte o meno, in base a una serie di elementi che tengo in considerazione. Quando invece sono "fuori dal viaggio di lavoro" scelgo le mete in base a ciò che mi colpisce di un posto. Spesso mi lascio ispirare dai luoghi visitati dalle persone che seguo su Instagram e dai miei colleghi quindi ammetto che Instagram induce anche me a visitare dei posti. Le belle immagini invogliano a conoscere di più di un posto ma principalmente cerco di scegliere sempre mete nuove perché ho voglia di scoprire più paesi possibili.

Cinque Terre_2

4. Viaggiare significa condividere. Ti piacerebbe collaborare con qualche travel influencer?
Quasi in ogni viaggio e progetto di lavoro sono coinvolti sempre più influencers quindi spessissimo mi sono trovato in viaggio con colleghi che conoscevo personalmente oppure solo virtualmente o, ancora, non conoscevo per niente. Il bello è che si instaurano dei rapporti reali di amicizia e stima reciproca ed è sempre un piacere viaggiare con chi ci si è trovati bene. Amo conoscere persone nuove per cui anche viaggiare con colleghi che non conosco mi permette di instaurare nuove relazioni e confrontarmi, apprendere e crescere. Ultimamente parlo spesso con una mia cara amica e collega travel influencer di cui ho una grandissima stima. Lei è Manuela Vitulli e parlavamo proprio di organizzare qualcosa insieme ma ci sono anche tantissimi altri miei colleghi con cui mi piacerebbe poter organizzare un viaggio in cui siamo noi a scegliere la meta e il gruppo di persone con cui partire. Spero possa accadere presto perché potrebbe essere davvero una bella esperienza.

Cinque Terre_2

5. Quale è il tuo MyBestPlace?
Finora ho avuto la possibilità di vedere così tanti posti in poco tempo, anche se sempre in modo relativo, perché il mondo è così grande che effettivamente ho visto ancora l'1% forse. Premetto che scegliere un solo posto è davvero un'impresa ardua perché ogni viaggio mi lascia sempre qualcosa dentro e mi cambia un po’. Uno dei viaggi che mi ha cambiato e che mi ha lasciato qualcosa di fortissimo dentro è sicuramente l'esperienza in Indonesia. Ho avuto la possibilità di confrontarmi con altri venticinque influencer da tutto il mondo (io l'unico italiano) e scoprire luoghi incredibili che sognavo da tempo e viverli anche da local per due settimane intere. Bali mi ha lasciato dei bellissimi ricordi ma anche Java e molti altri posti in Indonesia. La gente del posto, il modo di relazionarsi alla vita e al lavoro mi ha fatto riflettere tanto. E poi da quel viaggio sono nate delle bellissime amicizie che vanno oltre i social.

di Carlo Andriani
Photo Credits: Marko Morciano